Cos’è Criptalia: recensione e opinioni, come funziona

Il Peer To Peer lending è la nuova frontiera degli investimenti. Sono sempre di più le persone che vogliono mettersi in gioco e guadagnare ottimi rendimenti a partire da investimenti comodi, resi tali da piattaforme affidabili e facili da usare.

Tra queste, non si può non nominare Criptalia. Come dice la parola stessa, tratta investimenti online ed è tutta italiana. In questa breve guida scopriremo cos’è Criptalia, come guadagnare con questa piattaforma e quali sono le sue caratteristiche.

Cos’è Criptalia

Criptalia è una piattaforma per il P2P lending davvero nota. E’ quasi impossibile che un aspirante investitore non l’abbia mai sentita nominare. Si tratta di una delle migliori piattaforme di Peer To Peer lending in quest’ultimo periodo e va certamente tenuta in considerazione se si vuole cominciare a guadagnare rendimenti interessanti.

Come abbiamo già detto, è italiana, non molto longeva, in quanto ha aperto nel 2017. Si tratta quindi di un sistema giovane ed energico, all’avanguardia, pronto a soddisfare i suoi clienti.

La piattaforma ha sedi fisiche in Italia e in Spagna ed è regolamentata per operare in questi territori. Tutte le certificazioni e le regolamentazioni sono visibili per iscritto direttamente sul sito. Più trasparenti di così!

Come investire su Criptalia

Criptalia consente di raccogliere interessanti rendite passive. E’ aperta a tutti: basta essere regolari cittadini con un documento e un conto corrente e il gioco è fatto.

Funzionando come P2P lending, Criptalia permette a investitori e richiedenti prestiti di incontrarsi. Funge quindi da intermediario che, inoltre, si assicura che investitori e richiedenti siano persone reali e affidabili.

Criptalia consente ai suoi iscritti di scegliere i migliori prestiti in base alle singole esigenze. Consente di personalizzare alcuni parametri, come tasso di rischio, di rendimento, prodotto, richiedente e molto altro. In questo modo, tutti, o quasi, gli investitori possono godere di guadagni sui tassi di interesse versati dai debitori.

Iscrizione a Criptalia

Per utilizzare Criptalia, bisogna iscriversi gratuitamente al sito. Registrarsi alla piattaforma non costa nulla, stesso discorso vale per le transazioni. Criptalia è una delle piattaforme P2P lending più economiche del momento.

La sua fonte di guadagno deriva dai tassi di interesse sulla restituzione del denaro da parte dei richiedenti.

Ricorda, prima di iscriverti e di lasciarti trascinare dalla gratuità del sito, che gli investimenti P2P lending non sono esenti da rischi. Quindi, investi solo se hai delle strategie o se conosci il mondo della finanza. Criptalia fornisce tutti gli strumenti per rendere questi passaggi semplici, ma ricorda che puoi perdere il tuo capitale in ogni momento.

Investimenti su Criptalia: mercato primario

La buona notizia per chi comincia a investire, è che su Criptalia l’investimento minimo è di 20€. E’ perfetto per i principianti che devono ancora ben capire come funziona questo mondo.

Il nome Criptalia dovrebbe far suggerire che la piattaforma si basi su tecnologia blockchain, che la rende ancora più sicura e trasparente nei confronti dei suoi investitori. Ogni movimento di richiedenti e finanziatori viene registrato nei vari blocchi e chiunque li può consultare.

Per cominciare a investire, basta accedere alla dashboard del mercato primario dove si possono incontrare tutti i tipi di prestito sui quali investire. La grafica è molto semplice, forse alle volte un po’ scarna. Sicuramente agli occhi di un esperto mancano molti report utili per investire al meglio.

Tuttavia, Criptalia è aperta a molti tipi di investitori, anche i più inesperti. Per questi utenti, Criptalia ha pensato di offrire un servizio davvero utile: live prima del lancio di ogni progetto. In questo modo, i vari investitori possono scoprire chi sono i richiedenti e quali siano i rischi legati ai loro prestiti.

Il bello è che non si tratta di una comunicazione a senso unico, anzi, gli utenti possono interagire direttamente con membri delle aziende bisognose di finanziamento. Si tratta di un’occasione unica per fare in modo che il rischio legato a ciascun investimento si abbassi.

Investimenti su Criptalia: mercato secondario

Criptalia presenta anche un’altra interessante opportunità per generare liquidità: ogni investitore può rivendere il suo prestito ad altri. I finanziatori possono quindi negoziare il prezzo dei titoli e venderli anche a costi maggiori rispetto a quello di partenza.

Il mercato secondario di Criptalia non è il migliore tra tutte le piattaforme di P2P lending in quanto è un po’ a corto di progetti, ma possiamo immaginare che nei prossimi anni migliorerà di molto.

I rendimenti su Criptalia

Prima di investire denaro su una piattaforma P2P lending, ci si chiede sempre a quanto ammontino i rendimenti. Dopotutto, è diritto di ogni investitore capire quanto valga la pena rischiare.

Qual è il rendimento su Criptalia? Interessante, diremmo, in quanto i progetti su questa piattaforma potrebbero anche generare rendimenti che oscillano tra il 7% e 9% lordo annuo.

Se teniamo conto che i rendimenti su Criptalia sono soggetti alle imposte italiane del 26%, i guadagni di un investitore restano intorno al 5,18% e 6,66% l’anno.

Tassazione e Criptalia

Criptalia funge da sostituto d’imposta per gli investitori italiani. Questo è un grande vantaggio per gli investitori che non devono preoccuparsi della dichiarazione dei redditi perché ci pensa già Criptalia.

Criptalia trattiene il 26% sui rendimenti lordi automaticamente. Questo non vale per il mercato secondario. I guadagni in questo settore devono essere dichiarati in dichiarazione dei redditi.

Conclusioni: conviene investire su Criptalia?

Criptalia è certamente una piattaforma sicura e affidabile, italiana, certificata. Tuttavia, c’è da ricordare che non è esente da rischi. Il default del debitore è sempre dietro l’angolo, con il rischio di perdere il proprio capitale.

Infatti, privati o aziende non sempre si impegnano a ripagare il debito e Criptalia non offre alcuna garanzia per evitare di perdere tutto il capitale. L’unico modo per ridurre i rischi legati agli investimenti è quello di diversificare il più possibile il portafoglio.

Gli esperti consigliano di non affidarsi solo a Criptalia e di non puntare solo su pochi progetti o aree geografiche. Se uno di essi entra in default, l’utente non perde tutto il capitale. Prima di investire, quindi, è bene conoscere i meccanismi del P2P lending e rendersi conto se sia la modalità di investimenti giusta per le tue tasche.