Cos’è Trusters.it: recensione e opinioni, come funziona, come investire

Cos’è Trusters? Conviene iscriversi? Come si guadagna investendo su Trusters? Queste sono solo alcune delle domande che potrebbero porre degli aspiranti investitori che vogliono scoprire di più sul mondo del P2P lending, il nuovo modo per finanziare progetti online e riguadagnare sugli interessi previsti dalla restituzione del prestito.

In questa breve guida, scopriremo come funziona Trusters e quali sono le cose importanti da sapere prima di registrarsi. Siamo di fronte a un’ottima piattaforma per il P2P lending ma che, come ognuna, ha delle particolari caratteristiche che ogni investitore dovrebbe conoscere.

Cos’è Trusters?

Trusters è una piattaforma di crowdfunding particolarmente concentrata su progetti e prestiti di tipo immobiliare. E’ certamente un metodo di investimento innovativo e proficuo, in quanto il mercato immobiliare sembra essere in forte crescita, soprattutto in alcuni stati esteri.

Tuttavia, non ci stancheremo mai di dire che il crowdfund lending, così come altri metodi di investimento, non è esente da rischi.

La piattaforma P2P lending Trusters è nata nel 2018 dall’idea di alcuni imprenditori italiani. Il bello di questo sito è che si basa su tecnologia blockchain, trasparente, sicura e che sa ridurre il rischio di errore umano drasticamente.

Il ruolo di Trusters è quello di permettere a finanziatori e imprese immobiliari di incontrarsi e investire/ricevere denaro per i propri progetti.

Importante specificare che Trusters non spinge a investire in equity crowdfunding, ma nel sistema di lending crowdfunding. Quindi, l’investitore non investirà in una sorta di azione, ma in un progetto simile a un’obbligazione con un interesse stabilito, abbassando di molto la rischiosità.

L’investitore finanzia un progetto con un rendimento proporzionato alla somma che ha investito. Inoltre, in confronto all’equity lending, il crowdfunding presenta tempi di restituzione del denaro e degli interessi molto più brevi.

Come si investe su Trusters?

Per poter investire su Trusters è necessario prima di tutto registrarsi. Da subito l’utente viene accompagnato nei vari passaggi, prima di tutto con un video esplicativo circa il funzionamento della piattaforma.

La procedura di iscrizione è davvero semplice e richiede solo nome, cognome, email, password. In alternativa, ci si può iscrivere con Facebook o Gmail, non molto comune tra le piattaforme di crowdfunding come questa.

Dashboard Trusters

Una volta iscritti, si può visitare l’intuitiva dashboard di Trusters che raccoglie i migliori promotori immobiliari e i loro progetti. Il finanziatore può esaminare le caratteristiche del singolo progetto, attentamente selezionato dal team di esperti della piattaforma. In base alle esigenze, può decidere di versare dei soldi da dare in prestito alla società proponente.

Gli utenti possono anche semplicemente iscriversi e dare un’occhiata ai progetti senza l’obbligo di investire. L’iscrizione è completamente gratuita, così come tutte le altre transazioni. Il guadagno della piattaforma deriva semplicemente dagli interessi versati dalle imprese per proporre i progetti.

La piattaforma, all’iscrizione, genera un wallet digitale che consente di depositare e prelevare soldi con bonifico o anche carta di credito. Una buona notizia per chi è alle prime armi con gli investimenti, è la possibilità di investire un minimo di 100€.

Prima di versare i propri soldi, l’investitore può andare molto a fondo nel progetto immobiliare, visitando le foto, il profilo del richiedente e scoprendo anche i tassi di rischio precedentemente analizzati da Trusters. In questo modo, si abbassano di molto le probabilità di default del debitore, che spesso portano alla perdita anche totale del capitale investito.

Trusters consente di investire a partire dal tasso di rendimento lordo annuo atteso per il progetto oppure da una trattativa personalizzata con la Società Proponente, negoziando il tasso di rendimento lordo annuo in base all’importo che il finanziatore decide di prestare. Ottimi sono poi gli strumenti per monitorare l’andamento degli immobili sul mercato.

Al momento Trusters non presenta un mercato secondario su cui liquidare i propri investimenti. Quindi, in caso di prestito poco performante, bisogna comunque attendere la scadenza di un progetto per riottenere i soldi prestati.

Riqualificazione immobiliare

La maggior parte dei progetti da finanziare su Trusters riguardano annunci di costruzione di nuovi complessi edilizi, residenziali, turistici o commerciali, ma la piattaforma presenta anche una caratteristica unica rispetto ad altri suoi competitors. Infatti, i finanziatori possono investire anche in progetti di riqualificazione immobiliare.

Quindi, gli investimenti interessano quegli edifici che sono stati abbandonati o sono inutilizzati e che devono essere risistemati. Si tratta di una proposta davvero innovativa che offre maggiori opportunità di guadagno.

Rendimenti di Trusters

Trusters è una piattaforma italiana, sicura e affidabile, ma consente di guadagnare davvero? Il rendimento annuo di Trusters è intorno al 9% annuo. La maggior parte dei progetti prevede una restituzione del denaro che dura fino a 12 mesi, non di più.

Da notare che gli interessi vengono ripagati solo alla fine della restituzione completa del denaro.

Tassazione su Trusters

Trusters è riconosciuto dalla Banca d’Italia e perciò si propone come sostituto d’imposta, trattenendo già il 26% dei guadagni sui rendimenti. Non sarà quindi necessario per l’utente inserire i rendimenti in dichiarazione dei redditi. Tuttavia, il consiglio è sempre quello di rivolgersi a un commercialista.

Conclusioni: Trusters è sicura?

Come dicono tutti gli esperti di finanza, nessun investimento è sicuro al 100%. Il tasso di rischio persiste. Tuttavia, affidarsi a una realtà controllata e affidabile è il primo passo per abbassare i rischi di perdere il denaro.

Trusters, in questo senso, collabora con diverse realtà molto affidabili, tra cui RE/MAX, un dei gruppi immobiliari numero uno al mondo, Lemonway per il sistema dei pagamenti, Folkfunding, società italiana leader nel settore della crowdeconomy.

Di certo anche la facilità d’uso di Trusters e i suoi investimenti a basso costo sono un vantaggio anche per chi si affaccia per la prima volta a questo mondo. Le opportunità di investimento proposte sono 100% italiane e controllate, per garantire la presentazione dei migliori progetti.

Inoltre, prima di finanziare qualsiasi progetto, l’investitore è tenuto a leggere e valutare un contratto nel quale sono indicate le tempistiche e le percentuali dei rendimenti. Ecco perché possiamo considerare Trusters come una delle piattaforme P2P lending più trasparenti sul web.